gatti
Print Friendly, PDF & Email

AWP – La lista delle priorità, a margine dell’incontro di ieri in Confindustria, non può prescindere dallo sfruttamento di tutte le caratteristiche funzionali delle attuali awp.

Le attuali AWP, benché considerate dal dott. Kessler quelle a maggior impatto in virtù di uno studio del Ministero della Sanità a me personalmente ancora sconosciuto, sono perfettamente in grado di svolgere le mansioni di tutela sia automatica sia indotta, nei confronti del giocatore.

Innanzitutto è presente la possibilità per il giocatore di autolimitarsi mediante l’impostazione delle tempistiche massime di gioco o di importo massimo giocato. Inoltre
le AWP sono in grado di attivare sia messaggi a scorrimento a contrasto del gioco patologico, sia di bloccarsi a seguito dell’input da parte del controllore che può decidere per quanto tempo la macchina resterà bloccata con l’esposizione di un messaggio fisso a video e dunque inibendo la possibilità di proseguire nel gioco.

Queste caratteristiche forse non sono note né ai rappresentanti del Governo, né a chi si deve occupare di individuare forme dissuasive coerenti.

Occorre immediatamente attivare queste funzionalità che da sempre accompagnano le macchine AWP e che mai si sono utilizzate.

Occorre che i rappresentanti di governo impongano, nel mentre di una più ampia rivisitazione normativa, l’uso di queste funzionalità che si rivelerebbero di grande impatto e che potrebbero essere utilizzate quale parziale contropartita anche a livello locale e regionale.

Serve quindi prima di tutto utilizzare a fondo le caratteristiche delle attuali AWP prima di individuare altre ed alternative soluzioni che comporterebbero tempi d’introduzione elevati e tecnologicamente impegnativi.

E’ corretto stilare i punti di intervento, ma occorre partire dalle cose che già ci sono e inspiegabilmente non vengono utilizzate nonostante tutte le schede da gioco AWP siano certificate e quindi in grado di utilizzare tutte le funzioni a contrasto della ludopatia già introdotte con il comma 6/a.

Ing. Francesco Gatti
BAKOO S.P.A.
chicco@bakoo.it

Commenta su Facebook