Si è concluso al Tribunale di Cuneo il processo alla banda delle slot, che tra il 2014 e il 2016 aveva messo a segno circa quaranta furti tra le province di Cuneo e Torino. La banda era dedita ai furti di bar, tabaccherie e sale giochi, da cui sottraeva le macchinette da gioco. I malviventi agivano utilizzando auto rubate e gasolio sottratto da aziende agricole e di autotrasporti. Lo riporta laguida.it.

Dei nove arrestati nel novembre del 2016 dal Reparto Operativo dei Carabinieri di Cuneo, i sei autori materiali dei colpi avevano patteggiato le loro pene, mentre avevano scelto il rito ordinario altri tre imputati, accusati di aver aiutato la banda facendo da staffette e fornendo supporto logistico agli altri.