Dal 2 giugno “la libertà sarà la regola e le restrizioni l’eccezione“, è quanto ha dichiarato il primo ministro Edouard Philippe a proposito delle porssime riaperture. 

Il governo francese ha deciso di programmare le riaperture sulla base della classificazione delle zone per indice epidemiologico. Nelle zone ‘verdi’ bar, ristoranti, palazzetti dello sport, musei, teatri e sale da concerto possono riaprire il 2 giugno.

Advertisement
  • i viaggi nonsaranno più limitati a 100 chilometri. Sarà possibile spostarsi sul territorio senza certificazione.
  • la riapertura di scuole, college e scuole superiori sarà accelerata (ad eccezione delle scuole superiori nelle aree non verdi)
  • bar e ristoranti potranno riaprire secondo le istruzioni, rispettando le distanze  (1 metro tra ogni tavolo, 10 persone al massimo per tavolo, indossando la maschera richiesta per il personale e i clienti )
  • riapertura di villaggi turistici e insediamenti
  • tutti i musei e monumenti saranno accessibili dal 2 giugno
  • teatri aperti dal 2 giugno
  • i cinema potranno riaprire a partire dal 22 giugno in tutta la Francia
  • spiagge, laghi sono accessibili dal 2 giugno (è obbligatorio indossare la mascherina)
  • nelle aree all’aperto, per un raduno l’indicatore sarà di 5.000 persone, per le aree confinate, questo dipenderà dalle possibilità di rispettare la distanza tra gli le persone)
  • piscine, palestre, palazzetti dello sport e parchi divertimenti potranno aprire dal 2 giugno (obbligatoria la mascherina)

Discoteche, stadi, sale giochi e ippodromi devono rimanere chiusi fino al 21 giugno.