Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Presso l’assessorato al commercio del comune di Napoli si è svolto ieri, lunedì 10 aprile, un incontro tra l’amministrazione comunale rappresentata dal Dottor Alfonso Sperandeo e i vertici locali di Fit e Sts.

Ai lavori hanno preso parte il Presidente Provinciale Fit Francesco Marigliano, un componente il direttivo Fit Mariano Pizzicato e il rappresentante Sts Cesare Di Palma. Tema dell’incontro: il regolamento comunale sui giochi.

“Abbiamo ribadito – dichiara Marigliano – ancora una volta che nel proveddimento entrato in vigore in agosto c’è scarsa considerazione per gli interessi degli operatori legali del gioco, quali sono le tabaccherie. Il gioco offerto da noi tabaccai è assistito da garanzie di trasparenza e regolarità e i giocatori trovano un ambiente favorevole all’adozione di comportamenti moderati. Non è da noi che il germe della ludopatia si sviluppa.

Siamo un presidio di legalità sul territorio e svolgiamo da sempre una funzione sociale e di controllo sull’accesso al gioco (da parte di minori o persone a rischio ludopatia). Siamo imprenditori però e sottolineiamo che accanto alla tutela della salute, diritto costituzionalmente garantito, vi è anche la tutela dell’iniziativa economica privata, anch’essa costituzionalmente garantita. C’è il rischio, tutt’altro che remoto, che per colpa delle limitazioni l’offerta di tali giochi venga gestita da circuiti clandestini e si sviluppi ancora di più l’online. In definitiva, la prevenzione della salute deve essere garantita sì, ma non a spese dei tabaccai, e chiediamo una modifica delle fasce orarie perché ci penalizzano fortemente”.

Commenta su Facebook