Nell’ambito delle attività di controllo sul territorio, nei giorni scorsi i funzionari ADM dell’Emilia-Romagna hanno sequestrato a Ferrara, all’interno di una sala giochi, un apparecchio da intrattenimento e un apparecchio da gioco.

L’apparecchio da intrattenimento distribuiva, apparentemente, premi di valore superiore di almeno venti volte il costo, non superiore a un euro, della partita: mostrava, infatti, all’interno due confezioni sigillate di telefoni cellulari, un Ipad e auricolari di marche molto costose.

Quanto accertato viola le norme del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS), che tutelano i diritti dei giocatori a non essere tratti in inganno e spinti a giocare da premi manifestamente sproporzionati rispetto al valore della giocata.

All’interno dell’esercizio commerciale è stato sequestrato anche un altro gioco, sprovvisto dei necessari titoli di autorizzazione all’utilizzo rilasciati da ADM.

Per le violazioni, il proprietario della sala giochi rischia una multa da 5mila a 50mila euro per ogni apparecchio sequestrato e la chiusura dell’esercizio da trenta a sessanta giorni.