Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Nel mondo dei giochi d’azzardo ci sono pochissimi limiti. I confini e le differenze tra tra i paesi scompaiono, elementi di gioco nei giochi online e quelli nelle slot machine fisiche si fondono.

Così Marja Appelman, direttore dell’Autorità di gioco olandese, oggi a Montecarlo dove ha partecipato al Summit annuale organizzato da Euromat, la federazione europea degli operatori del gioco. Appelman è intervenuta in qualità di neo-presidente del GREF, il forum europeo dei regolatori del gioco, per parlare delel questioni chiave che interessano imprenditori, supervisori, responsabili politici dell’industria del gaming.

Marja Appelman ha evidenziato nel suo discorso la storia del GREF e i primi anni di attività e ha delineato una visione per il futuro. Nel 1989 il GREF ha iniziato la sua attività con sei membri europei, ora ce ne sono 29. Il messaggio del regolatore olandese è che oggi ogni confine si sta dissolvendo,  o addirittura scomparendo del tutto. Questo offre opportunità per gli imprenditori nel settore dei giochi, ma i confini che scompaiono creano anche nuovi problemi. Ad esempio, è diventato meno facile proteggere i consumatori dalla dipendenza dal gioco.

Per questi i regolatori sono chiamati a collaborare sempre di più . Durante il suo intervento Marja Appelman ha anche chiesto un dialogo tra GREF e organizzazioni come Euromat: “I supervisori e i fornitori di giochi d’azzardo devono confrontarsi con le diverse facce della medaglia”. E: “Un approccio multidisciplinare offre soluzioni sia per i regolatori che per i fornitori di giochi d’azzardo.”

Commenta su Facebook