Eugenio Bernardi, Consigliere SAPAR, dopo la pubblicazione dell’articolo “Il governo casca sulle slot: se passa la proroga di un anno, vincono le lobby” scrive alla Redazione VITA.IT « per chiarirvi alcuni vostri demagogici concetti e per informarvi onde evitiate scriviate certe “fesserie” o fack news.

La proroga – precisa Bernardi, Consulente Tecnico Giuridico e Operatore del gioco legale da 37 anni – non serve alle lobby ma serve per non bloccare il mercato e le imprese di produzione e gestione delle AWP o NewSlot nella sostituzione degli apparecchi AWP vetusti che avviene dismettendo un apparecchio vecchio e richiedendone la sostituzione con uno nuovo (il così detto one to one), visto che le AWP da remoto tanto amate dall’ex Sottosegretario On. Baretta, non sono pronte (anche perché concettualmente non chiare visto che già gli attuali apparecchi sono collegati da remoto, tramite PDA e lette continuamente e visibili da qualsiasi sede compartimentale dei Monopoli di Stato, (non così le VLT che sottostanno a protocolli diversi e gestite centralmente da SOGEI/ADM).

Dirò meglio, le AWP da remoto, non sono nemmeno state concepite (a meno che non vogliate sponsorizzare le mini VLT tanto care ad alcuni concessionari) dirò meglio alcuni progetti sono stati proposti ma si scontrano con i parametri di legge (1€ di giocata – frazionata, vincita massima 100€ su un ciclo massimo di 140mila partite ( 28/35 mila in uso) e tempo minimo di giocata 4 secondi) e visto che già le attuali AWP hanno sistemi di sicurezza che volendo potrebbero essere implementati (come i messaggi video anti GAP già previsti e mai usati).

Oltre a quanto detto vi ricordo che l’avvento dal 1° gennaio 2020 della fantomatica tessera sanitaria (con diversi problemi di privacy e di accessibilità non completamente risolvibili – viste anche le leggi comunitarie) si dovrà fare in modo che l’eventuale sostituzione delle 265 mila AWP rimaste dalla riduzione forzosa del 34,9% imposta in 4 mesi (ma prevista in 4 anni dal noto comma 943 art.1 legge 208/2015 – stabilità 2016) possa o debba avvenire in modo chiaro e nei tempi dovuti e certi, anche per uniformare le molte leggi regionali espulsive (vedasi regione Piemonte o Alto Adige e altre) e in attesa della sbandierata legge nazionale prevista dal Decreto Dignità, totem mediatico dei pentastellati.

Vi rammento che le concessioni delle AWP (e VLT) scadono nel marzo 2022. Come i precedenti governi anche questo governo aumenterà il PREU (ad AWP e VLT) di un ulteriore 0,5% (già aumentato dal Decreto Dignità) portando la tassazione delle AWP al 19,75% + 0,8% per ADM e + costo rete (incrementabile ancora a maggio di un ulteriore 0,25% e fino ad uno 0,68% gli anni successivi) equivalente ad oltre il 70%, non toccando minimamente nessuno degli altri giochi come le oltre cinquanta lotterie istantanee ecc.ecc.

Le AWP danno annualmente circa 5 miliardi di preu, nonostante la contrazione dell’introdotto di 1 miliardo, visti i continui aumenti del PREU e vedremo nel 2018 cosa accadrà – leggasi il Libro Blu 2017 di ADM finalmente pubblicato – Organizzazione, attività e statistica dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Anno 2017 – pdf.

La vostra fissazione frustrazione di NOSLOT-dipendenti (una patologia pure quella) vi porta a volte a prendere pretestuosi abbagli.

La proroga per i rinnovi dei bandi bingo e scommesse sono altra parrocchia riguarda introiti già messi a bilancio da altro governo ma che senza la certezza o meglio per l’incertezza creata dalle leggi regionali con distanziometri, orari comunali e altre amenità difficilmente potranno avere la certezza di essere attuati. Proroga Superenalotto vero dilemma e non dico altro, ma confondere il tutto non è fare buona informazione.

So che non risponderete o ratificherete, non è vostra abitudine ma sappiate che non fate una corretta informazione, non siete per altro gli unici media che si comportano così…».

 

 

Commenta su Facebook