Associazione AS.TRO
Associazione AS.TRO
Print Friendly, PDF & Email

Il prossimo venerdì – 1 giugno alle ore 9,00 – presso la sala Arazzi del Comune di Ferrara, la delegazione AS.TRO composta dall’avvocato Michele Franzoso e dal responsabile per il territorio, Lorenzo Verona, incontrerà l’Amministrazione Municipale.

La discussione verterà sulle particolari modalità applicative che a Ferrara sono state pensate per attuare l’abolizione del gioco lecito determinato dalla Legge Regionale in materia, per come integrata dalla delibera della Giunta Regionale.

In particolare:

  1. La Legge Regionale in materia di apparecchi da gioco lecito e scommesse ha demandato alla delibera dell’Esecutivo Regionale un’attuazione di carattere procedimentale coinvolgente direttamente sia i singoli Comuni che i Comuni confinanti tra loro, ai fini dell’individuazione dei luoghi sensibili. La delibera di Giunta Regionale ha, poi, dettato un iter attraverso il quale l’operatore debba ricevere una cognizione certa dello status giuridico del proprio locale, idonea ad assumere rilevanza anche nell’ambito delle procedure sindacali di eventuale licenziamento del personale divenuto eccedente.

  1. Quanto sopra esposto presuppone, quindi, l’assenza di costi per il punto vendita relativamente alla misurazione delle distanze e, soprattutto, l’assenza di responsabilità in merito all’esattezza delle stesse. La procedura prospettata dall’Amministrazione inverte i processi delineati dell’iter regionale (apparentemente vincolante) e pare non prevedere un ulteriore ambito di competenza comunale: l’individuazione delle aree residuali in cui le attività possano utilmente delocalizzarsi nei tempi perentori per il trasloco. Ciò determina un inaccettabile “vuoto civico” nell’ambito dei rapporti tra aziende del territorio e istituzione cittadina, cui compete sicuramente l’attuazione della Legge regionale ma anche il rispetto dell’imprenditoria di settore.

 

Commenta su Facebook