Il sindaco di Bra, Cuneo, ha firmato un’ordinanza che impone restrizioni per limitare la diffusione del Coronavirus. Dopo i contagi di questi giorni la decisione di correre ai ripari .

Una misura – quella in vigore da domani, 17 ottobre, e fino al 31 ottobre 2020 – emanata a seguito di confronto con la Prefettura di Cuneo e la Regione Piemonte, accogliendo alcune proposte di intervento avanzate dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asl Cn2 al fine di contenere l’evoluzione dell’epidemia in città e interviene su attività e situazioni in cui è maggiormente diffuso il rischio di assembramenti.

In particolare:

– le attività degli esercizi pubblici (bar e ristoranti) sono consentite sino alle ore 24 con consumo al tavolo e sino alle ore 19.30 in assenza di consumo al tavolo (invece che alle ore 21, come indicato nel Dpcm del 13 ottobre);

– le attività di ristorazione con asporto sono consentite con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze dopo le ore 19.30 e fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

– le attività di sale giochi e sale scommesse sono consentite fino alle ore 19.30, fatte salve diverse disposizioni della Regione Piemonte;

l’esercizio delle giostre presenti nell’area di Piazza Giolitti deve cessare alle ore 19.30 di ogni giorno di permanenza, e comunque non oltre il 25 ottobre 2020;

– è sospesa l’attività sportiva e motoria amatoriale esercitata all’interno di luoghi chiusi e non disciplinata da protocolli idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento;

– sono sospese le attività ludico ricreative al chiuso non disciplinate da apposito protocollo.

Dove non diversamente specificato dall’ordinanza del Comune, restano in vigore le disposizioni contenute nel Dpcm del 13 ottobre 2020. Il mancato rispetto delle misure di contenimento comporta l’irrogazione di una sanzione amministrativa.