I funzionari dell’Agenzia delle accise, delle dogane e dei monopoli di Calabria (Adm), con il supporto dell’Ufficio Antifrode regionale, nel corso dell’attività Co.PRe.G.I. che vede la partecipazione di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, hanno effettuato un’importante operazione di controllo nel settore dei giochi che ha coinvolto circa 40 esercizi commerciali dislocati nelle province di Cosenza e Reggio Calabria.

Sono stati complessivamente sottoposti a sequestro 68 apparecchi di gioco e denunciati alle Procure della Repubblica di Cosenza e Reggio Calabria 3 soggetti per esercizio abusivo di attività di scommessa con violazione della legge 13 dicembre 1989 n.401 e altri 3 per aver violato le norme riguardanti le misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

L’Ufficio dei Monopoli per la Calabria eleverà oltre 60 sanzioni per un importo pari a 3.400.000 euro. Ciò a dimostrazione dell’importanza della sinergica attività che si realizza all’interno del Comitato per Prevenzione e Repressione del Gioco Illegale, la Sicurezza del Gioco e la Tutela dei minori (Co.PRe.G.I.)