Il Comune di Bologna ha quasi completato la mappa che incrocia la presenza di locali dotati di slot machine e sale giochi con i cosiddetti luoghi sensibili, come scuole e chiese, che per legge regionale non possono convivere a meno…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati