La polizia finanziaria austriaca ha sequestrato 71 slot irregolari nel corso di una mazi-operazione che ha coinvolto 60 agenti. La polizia aveva ricevuto segnalazioni anonime e un proprietario aveva riferito che il gioco d’azzardo illegale veniva effettuato nei bar della città di Salisburgo, secondo quanto riferito attraverso un comunicato stampa del ministero delle Finanze.

Nel corso di quattro operazioni nell’arco si una settimana sono stati sequestrati dispositivi di gioco illegali per un valore di circa 250.000 euro. Gli ufficiali hanno anche trovato le persone intente a giocare. Il primo raid è avvenuto il 25 febbraio scorso in un bar nel centro di Salisburgo.All’esterno era camuffato da bar, con una vetrina coperta di adesivi opachi e un cartello “temporaneamente chiuso a causa del Coronavirus”.

Gli esercenti e i proprietari dei locali sono stati sanzionati per aver violato il Gambling Act, il Betting Entrepreneur Act, il Trade Regulationse le normative sulla protezione Covid-19. I giocatori presenti ai controlli saranno sanzionati per aver violato le norme anti-fumo e per inosservanza del regolamento Covid-19.