Massimo getta la spugna. Gli accadimenti di questi ultimi mesi sono stati la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Massimo, titolare di una impresa di noleggio apparecchi da intrattenimento, chiude i battenti.

Ecco il suo sfogo:

“Sono qui oggi, gentile redazione, qui per porgervi un ringraziamento e un ultimo saluto. La mia azienda di noleggio Awp, dopo 16 anni, da oggi chiuderà per sempre. I dispiaceri sono tanti, come la rabbia. Forse il più grande dispiacere è stato quello di aver versato a gente priva di merito qualcosa come 3.500.000€.

Da oggi non sarà più un mio problema. Vedere tutti che lavorano mentre io sul divano mi fa sentire inutile, è diventato un pensiero logorante fisso.

Da domani mi cercherò un lavoro, ho 47 anni, non sarà facile. Andrà bene anche il netturbino, ma non lavorerò mai più per nessuna agenzia statale.

Mai difeso, sempre vessato fino all’ultimo… apertura il primo luglio e NON IL PRIMO GIUGNO????

Bene caro Stato o chi per lui, non prendete ferie, perché da domani il mio lavoro, secondo voi facile, inutile e non necessario, lo farete voi. Neanche il tempo di riaprire dopo 1 ANNO DI INATTIVITÀ e i locali, almeno l’80%, chiuderà per ferie (se non ha già chiuso x fallimento) proprio tra luglio e agosto. 

Non vi darò certo la soddisfazione di calcolarmi ingiustamente 15.000€ di forfettario perché i locali sono chiusi e le slot, quindi, non leggibili.

Care menti illuminate, chi crea reddito, posti di lavoro e porta entrate allo Stato va protetto. Mi vergogno di questo paese e di chi ci governa”.