slot
Print Friendly, PDF & Email

As.Tro avanza nell’attività di monitoraggio della delicata fase che sta attraversando il settore ed, in particolare, dei comportamenti anomali che alcuni Concessionari stanno adottando attraverso iniziative unilaterali, mirate alla modifica delle condizioni contrattuali in vigore: l’Associazione ribadisce agli iscritti di non aderire a tali iniziative e di astenersi dalla restituzione dei nulla osta interessati.

In particolare, si avvisano gli iscritti As.Tro che la fase di raccolta, si esaurirà il prossimo 31 luglio, avendo l’Associazione raccolto un numero sufficiente di segnalazioni. Dopo tale data, As.Tro continuerà comunque a ricevere –a titolo informativo- l’ulteriore materiale che dovesse pervenire dagli associati, veicolandolo con immediatezza all’Amministrazione.

In questa delicata fase, dove è a rischio la tenuta del sistema gioco legale, As.Tro ha valutato tutte le contromisure da adottare dal punto di vista giuridico: qualora, infatti, non vengano adottate soluzioni correttive a livello normativo, e laddove i comportamenti dei soggetti concessionari non vengono improntati a principi di correttezza, l’Associazione non potrà far altro che promuovere azioni, sia in ambito particolare che generale.

In ambito particolare, qualora i propri iscritti siano destinatari di comportamenti che violano i precetti contrattuali e/o quando i comportamenti medesimi siano contrari ad una buona fede oggettiva, eccedendo nell’abuso di diritto (secondo il principio consolidato nel nostro ordinamento che vieta l’uso di un diritto o di una facoltà per giungere ad una situazione di grave sproporzione tra il vantaggio proprio e il pregiudizio altrui).

In ambito generale, mediante ricorso all’ AGCM (Autorità garante della concorrenza e del mercato) e agli Organi Giurisdizionali Italiani ed Europei, al fine di far cessare ogni possibile abuso che pregiudichi il diritto alla iniziativa economica e alla libera concorrenza, con l’affermazione di situazioni di monopolio od oligopolio a grave danno degli operatori economici più deboli.

AsTro
Commenta su Facebook