Aumento in vista per la tassazione degli apparecchi da intrattenimento senza vincita in denaro. L’Imposta sugli intrattenimenti potrebbe aumentare del 15%, o del 12%.

E’ uno dei dati emersi nel corso della riunione che si è tenuta oggi presso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli alla presenza del direttore Marcello Minenna. L’incontro è stato organizzato allo scopo di affrontare una serie di problematiche relative al riordino del comparto di questo tipo di apparecchi.

Tale aumento sembra motivato come aggiornamento delle tariffe ferme al 2009. L’incremento della tassazione sarà applicato sul totale della cifra fissata oggi per tipologia di apparecchio.

Molti altri i temi trattati tra cui la possibilità di pensare ad un proroga dei termini previsti per l’adeguamento alla certificazione degli apparecchi e il rilascio del nulla osta. Non sarebbe esclusa nemmeno la possibilità di pensare ad una procedura semplificata per gli apparecchi meccanici (vedi ad esempio i calciobalilla):