Print Friendly

Manifestazione a Roma il 31 Maggio in Piazza Montecitorio ore 14.00

(Jamma) – L’associazione AGCAI avverte: “I gestori non perdano questa grande occasione per agire e dimostrare la loro unità e compattezza sia in occasione dell’astensione dalla raccolta dal 01 Giugno sia della Manifestazione del 31 Maggio. Le multinazionali non perdono le occasioni, non la perdano nemmeno i gestori”.

“Questa è la volta buona – ribadisce la nota AGCAI – per partecipare in massa all’astensione della raccolta ed iniziare a dimostrare i danni che potrebbe subire il Governo se l’aumento di tassazione continuerà. L’astensione della raccolta può essere effettuata possibilmente per cinque giorni consecutivi, ma può anche essere fatta anche di uno o due giorni, l’importante è dare un segnale di inizio.

Non è ammissibile che il Governo per agevolare multinazionali senza scrupoli si scagli contro 150.000 lavoratori e 5.000 aziende ed aumenti il gioco d’azzardo con una manovra che tende ad eliminare di fatto i gestori per lasciare il posto alle multinazionali dell’azzardo che vogliono concentrare tutto il gioco nei Mini-Casinò dove si trovano le VLT, le macchine più pericolose esistenti al mondo, in grado di far dissipare enormi patrimoni anche in pochissimo tempo.

Un Governo che pur di favorire le multinazionali vuole far chiudere 5.000 aziende italiane e peggiorare fortemente le condizioni di salute pubblica deve dimettersi quanto prima.

I motivi della protesta sono:

  • La concentrazione del gioco solo ed esclusivamente nei Mini-Casinò, che porta ad un peggioramento della salute pubblica ed ha come obiettivo finale l’eliminazione del gestore per poter dare spazio alle multinazionali dell’azzardo di legiferare sempre di più nella materia e rasformare l’Italia in un Mini-Casinò, con impoverimento dei giocatori ed aumento del gettito erariale.
  • L’annullamento dell’aumento Preu che ha l’obiettivo di colpire ingiustamente tutti i gestori, occasione sfruttata dal Governo per lasciare libero spazio alle multinazionali, che con le VLT pagano solo il 40% e con l’online pagano solo il 20%.
  • La necessità di una macchina meno pericolosa da gestire nei bar, che non sfoci nell’azzardo ma che riesca a contenere i parametri di perdita attraverso l’intrattenimento del giocatore (AWP=divertimento con piccola vincita in denaro).

Se non ti otterrà niente con questa astensione della raccoltà e con questa manifestazione, provvederemo ad organizzare un’altra manifestazione ed un’altra astensione della raccolta sempre e comunque con SAPAR, AGGE, ASSOGIOCO-Confesercenti, AGCAI e con la fattiva collaborazione del CNI (Comitato noleggiatori italiani)”.

Commenta su Facebook