I funzionari ADM di Cagliari e Oristano hanno sequestrato in due esercizi di Capoterra e Assemini (CA) 7 apparecchi da intrattenimento della tipologia di cui all’art. 110 comma 6/a e 7/c del TULPS, non conformi e privi dei titoli autorizzatori. Il sequestro è stato effettuato nell’ambito dei controlli sul territorio per la verifica del rispetto dell’art. 1, comma 9 del DPCM del 24 ottobre 2020 sulla sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò.

I funzionari ADM hanno provveduto alla contestazione delle violazioni dell’art. 110, comma 9, lett. f-quater del TULPS (apparecchi destinati al gioco non rispondenti alle caratteristiche di cui ai commi 6 e 7 dell’art. 110 del TULPS) e dell’art. 110, comma 9, lettera d) del TULPS (apparecchi privi dei titoli autorizzatori), nonché all’erogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie da 5.000 a 50.000 euro ad apparecchio a seconda delle tempistiche individuate dalla normativa di riferimento. In caso di mancata oblazione, è inoltre prevista la chiusura dell’esercizio per un periodo da 30 a 60 giorni.

Con questo intervento ADM continua a dare prova di attento presidio del territorio a tutela del gioco legale e responsabile.