(Jamma) – Nessuna sospensione per Marco Cecchinato. Dopo la sessione di udienze a Sezione Unite del Collegio di Garanzia Coni, ultimo grado della giustizia sportiva, è stata decretata l’estinzione del procedimento disciplinare a carico del tennista siciliano accogliendo il suo ricorso.

La Corte d’Appello Federale della Fit lo scorso 29 ottobre aveva ridotto da 18 a 12 mesi la squalifica inflitta a Marco Cecchinato. Ridotta anche la sanzione pecuniaria da 40mila euro a 20mila euro. Secondo la sentenza di secondo grado Cecchinato aveva violato, riferisce la Federtennis sul suo sito ufficiale, l’articolo 1 relativo ai doveri di lealtà, probità e correttezza, ma era stato scagionato dall’accusa di illecito sportivo (articolo 10 del Regolamento di Giustizia). In primo grado il Il Tribunale aveva infatti condannato Cecchinato per aver alterato, al fine di ottenere guadagni illeciti, alcuni match. Il 24enne palermitano può dunque tornare in campo sin da subito.

Commenta su Facebook