(Jamma) Una riapertura dei termini per la regolazione dei centri scommesse che non hanno aderito alla sanatoria del 2016. E’ quanto propone un emendamento al decreto fiscale della deputata Paola Binetti (Ap) . Con l’emendamento si propone appunto che “Ai soggetti indicati dall’articolo 1, comma 643, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, con almeno 700 centri non autorizzati, che non hanno aderito entro il 31 gennaio 2016 alla proceduta di regolarizzazione di cui al medesimo comma, nonché a quelli attivi successivamente alla data del 30 ottobre 2014, che comunque offrono scommesse con vincite in denaro in Italia, per conto proprio ovvero di soggetti terzi, anche esteri, senza essere collegati al totalizzatore nazionale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, fermo in ogni caso il fatto che, in tale caso, il giocatore è l’offerente e che il contratto di gioco è pertanto perfezionato in Italia e conseguentemente regolato secondo la legislazione nazionale, è consentito regolarizzare la propria posizione alle condizioni di cui ai commi 643, 644 e 645 del medesimo articolo 1 della legge n. 190 del 2014, ai quali, a tale fine, sono apportate le seguenti modificazioni: alle lettere a) e b) del comma 643, le parole: ’31 gennaio 2016′ sono sostituite, rispettivamente, dalle seguenti: ’31 dicembre 2016′; alla lettera c) del comma 643, le parole: ’29 febbraio 2016′ sono sostituite dalle seguenti: ’28 febbraio 2017′; alle lettera e) del comma 643, la parola: ‘2016’ è sostituita dalla seguente: ‘2017’.

Commenta su Facebook