(Jamma) – Terminato in commissione Agricoltura alla Camera l’esame preliminare della legge di Bilancio per le parti di propria competenza con l’espressione di un parere favorevole al testo. Durante l’ultima seduta sono state poi presentate dai deputati diverse proposte emendative.

Tra queste, alcune che riguardano il comparto ippico. In particolare è stata bocciata la proposta Cova, Palma, Oliverio, Agostini Luciano, Antezza, Capozzolo, Carra, Cuomo, Dal Moro, Falcone, Fiorio, Lavagno, Marrocu, Mongiello, Prina, Romanini, Sani, Taricco, Terrosi, Venittelli, Zanin (Pd) che chiedeva di “aggiungere dopo il comma 36, il seguente: « 36-bis. All’articolo 15 della legge 28 luglio 2016, n. 154, sono apportate le seguenti modificazioni: a) alla lettera a), le parole: « la stabilità degli attuali livelli di gettito da destinare al finanziamento della filiera ippica, nonché le modalità di riduzione delle aliquote destinate all’erario a fronte di un eventuale aumento della raccolta delle suddette scommesse » sono sostituite dalle seguenti: «prevedendo che le risorse da destinare al finanziamento della filiera ippica debbano essere commisurate ai livelli di gettito derivanti dalle scommesse ippiche, nonché le modalità di riduzione delle aliquote destinate all’erario in caso di un eventuale aumento della raccolta delle suddette scommesse»; b) alla lettera d), dopo le parole «siano assegnate all’organismo di cui alla lettera b)», sono aggiunte le seguenti: «tenuto conto delle funzioni a esso trasferite»; c) alla lettera e), le parole: «e assegnati all’organismo di cui alla lettera b), tenuto conto delle funzioni a esso trasferite» sono soppresse; d) alla lettera e), le parole: «e all’80 per cento nel quarto anno» sono sostituite dalle seguenti: «e all’80 per cento dal quarto anno». Conseguentemente al comma 2 dell’articolo 81 sostituire le parole: «è incrementato di 300 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2017» con le seguenti: «è incrementato di 290 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2017»”.

Approvata invece quella del deputato Russo (Fi) che chiedeva “dopo l’articolo 11 aggiungere il seguente: ART. 11-bis. A partire dal 1o gennaio 2017, in analogia ad altre tipologie di gioco, l’imposta unica sulle scommesse a quota fissa sulle corse dei cavalli è stabilita per la rete fisica nella misura del 33 per cento del MOL (Margine Operativo Lordo, differenza tra le somme puntate e le vincite corrisposte) e per il gioco a distanza nella misura del 37 per cento del MOL; il gettito conseguito con questa modalità di tassazione rimane destinato per il 25 per cento a titolo di Imposta Unica ed il 75 per cento al MIPAAF per il finanziamento dei montepremi, della gestione degli impianti delle corse e delle provvidenze per l’allevamento dei cavalli”.

Approvata quella dei deputati Romanini e Vennitelli (Pd) “alla Tabella n. 12, Sezione Rifinanziamenti, Definanziamenti e Riprogrammazioni delle dotazioni previste a legislazione vigente (articolo 23, c. 3, lett. b), Missione 1 Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca, Programma 1.3 Politiche competitive, della qualità agroalimentare, della pesca, dell’ippica e mezzi tecnici di produzione, in fine, aggiungere la seguente Autorizzazione: legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1 comma 1063 2017: + 5.000.000; 2018: + 5.000.000. Conseguentemente, alla Tabella A, voce: Ministero dell’economia e delle finanze, apportare le seguenti variazioni: 2017: – 5.000.000; 2018: – 5.000.000”.

Approvata quella dei deputati Mongiello, Antezza, Oliverio, Agostini Luciano, Capozzolo, Carra, Cova, Cuomo, Dal Moro, Falcone, Fiorio, Lavagno, Marrocu, Palma, Prina, Romanini, Sani, Taricco, Terrosi, Venittelli, Zanin, Di Gioia, Ginefra, Bordo Michele, Grassi, Losacco, Massa, Vico, Capone, Mariano, Ventricelli, Burtone (Pd) “Alla Tabella n. 12, Sezione Rifinanziamenti, Definanziamenti e Riprogrammazioni delle dotazioni previste a legislazione vigente (articolo 23, c. 3, lett. b), Missione 1 Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca, Programma 1.3 Politiche competitive, della qualità agroalimentare, della pesca, dell’ippica e mezzi tecnici di produzione, in fine, aggiungere la seguente Autorizzazione: DL n. 113 del 2016, articolo 23-bis MISURE FINANZIARIE URGENTI PER GLI ENTI TERRITORIALI E IL TERRITORIO 2017: + 25.000.000; 2017: + 10.000.000; 2018: + 10.000.000. Conseguentemente, alla medesima Tabella A, voce: Ministero dell’economia e delle finanze, apportare le seguenti variazioni: 2017: – 25.000.000; 2018: – 10.000.000; 2019: – 10.000.000”.

Approvata quella dei deputati Oliverio, Fiorio, Agostini Luciano, Antezza, Capozzolo, Carra, Cova, Cuomo, Dal Moro, Falcone, Lavagno, Marrocu, Mongiello, Palma, Prina, Romanini, Sani, Taricco, Terrosi, Venittelli, Zanin (Pd) “Alla Tabella n. 12, Sezione Rifinanziamenti, Definanziamenti e Riprogrammazioni delle dotazioni previste a legislazione vigente (articolo 23, c. 3, lett. b), Missione 1 Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca, Programma 1.3 Politiche competitive, della qualità agroalimentare, della pesca, dell’ippica e mezzi tecnici di produzione, aggiungere, in fine: DL n. 225 del 2010, articolo 2 2017: 5 milioni; 2018: 5 milioni; 2019: 5 milioni. Conseguentemente, alla medesima Tabella A, voce: Ministero dell’economia e delle finanze, apportare le seguenti variazioni: 2017: – 5 milioni; 2018: – 5 milioni; 2019: – 5 milioni”.

Commenta su Facebook