(Jamma) – “L’Associazione Nazionale Sapar è attiva e impegnata su più fronti per la tutela del gestore e la difesa dell’occupazione. Stiamo incontrando molti rappresentanti delle amministrazioni locali per discutere con loro delle regolamentazioni in materie di giochi già in vigore o prossime all’emanazione.

Durante quasi tutte le riunioni rimango particolarmente sorpreso della scarsissima conoscenza che il legislatore ha in materia di giochi: non stupisce quindi che le norme emanate si basino su dati falsati e non corrispondenti alla realtà, e per questo totalmente inefficaci da qualsiasi punto di vista, sia per la tutela del giocatore che per gli operatori del gioco coinvolti.

Per questo il lavoro della Sapar in questo momento è volto soprattutto a divulgare il più possibile la realtà del settore e i numeri effettivi che ruotano attorno a questo comparto. A tal proposito mercoledì 19 ottobre, durante un’audizione congiunta della III e IX Commissione Permanente del Comune di Venezia, sono state ascoltate le istanza proposte dalla delegazione Sapar.

L’incontro è stata l’occasione per presentare i nostri progetti di formazione e prevenzione, visto che ormai sappiamo bene che i divieti non portano alcun risultato positivo per il giocatore. Inoltre è stato presentato il progetto dei corsi di formazione realizzati da Sapar e Ulls 12 veneziana, che inizieranno lunedì 24 ottobre alle ore 15.30 a Mestre. Abbiamo ricevuto un riscontro positivo alla proposta tanto che l’amministrazione veneziana si informerà direttamente con il Ser.d sull’efficacia di tale iniziativa, che guarda concretamente alla tutela del potenziale giocatore patologico.

La prossima settimana ci sarà un incontro del Consiglio direttivo per analizzare collegialmente la situazione e per approfondire gli ultimi sviluppi in merito alla Stabilità 2017 e alla conferenza Stato regioni in programma per il 27 ottobre. Ovviamente vi terremo aggiornati sugli esiti della riunione”.

Corrado Luca Bianca
Segretario nazionale Sapar

Commenta su Facebook