(Jamma) – Continuano senza sosta i controlli amministrativi della Polizia di Stato nei locali pubblici di Roma, disposti dal questore D’Angelo. In uno degli esercizi commerciali controllati, una sala giochi gestita da cinesi, gli agenti del commissariato di zona, coadiuvati dai colleghi della Polizia Amministrativa della Questura, hanno riscontrato numerose irregolarità.

Nella sala erano presenti infatti 15 apparecchi da gioco illegali e una lavoratrice di origine cinese priva di contratto di lavoro.

Al termine dei controlli, i poliziotti hanno posto sotto sequestro penale preventivo il pubblico esercizio, mentre il gestore è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per la violazione delle norme sulla tutela della salute e la sicurezza sul luogo di lavoro. Allo stesso, inoltre, sono state contestate sanzioni amministrative per un importo di 14.500 euro.

Commenta su Facebook