(Jamma) – Un videogioco ideato per una ricerca che ha coinvolto 2,4 mln di persone si è dimostrato efficace nel mostrare il declino cognitivo associato all’età, primo passo per sviluppare un metodo di diagnosi precoce di disturbi come l’Alzheimer.

I primi risultati del più grande esperimento al mondo sulla malattia presentati dall’University College di Londra alla conferenza Neuroscience 2016. Il videogioco ‘Sea Hero Quest’ è un’avventura nautica giocabile con lo smartphone, e invia in forma anonima i dati degli utenti sulle capacità di orientarsi. Dallo studio è emerso che mentre i teenager hanno una accuratezza del 74% nel compito, a 50 anni si scende al 46%.

Commenta su Facebook