(Jamma) – Centri scommesse abusivi sempre più nel mirino delle forze dell’ordine a Palermo. Dopo i recenti sequestri, altri due interventi sono stati svolti sabato da Polizia e Carabinieri.

Gli agenti della Polizia amministrativa della Questura di Palermo hanno effettuato un ennesimo blitz in un locale dove si esercitava la raccolta illecita di scommesse. A copertura della raccolta, effettuata senza licenza di Pubblica sicurezza, il solito stratagemma elusivo del'”Internet Point”, per avviare il quale è sufficiente una mera segnalazione inizio attività al Ministero dello Sviluppo economico.

Ma l’attività controllata non si limitava a fornire ai clienti – come avrebbe dovuto – il servizio di navigazione sul web, ovvero la ricarica di conti di gioco per scommettere sui siti autorizzati: gli agenti della Questura hanno infatti accertato che gli avventori che si recavano presso l’esercizio effettuavano in realtà puntate su eventi sportivi, con chiara intermediazione del gestore nei contratti di gioco stipulati dagli utenti. Nei confronti del titolare, già pregiudicato per esercizio abusivo di scommesse, è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria e il locale è stato posto sotto sequestro, come pure le postazioni informatiche presenti sul posto, nonché numerose ricevute attestanti le scommesse effettuate.

I Carabinieri hanno invece controllato un centro scommesse dove il proprietario, oltre ad essere allacciato abusivamente alla rete elettrica, aveva allestito la raccolta delle giocate senza nessuna autorizzazione. Anche per lui è scattata la denuncia per furto aggravato, omessa esposizione della tabella dei giochi proibiti e apertura abusiva di un centro scommesse. I locali e l’attrezzatura custodita all’interno sequestrati.

Commenta su Facebook