(Jamma) – Si è sentito solo nella scelta di arginare il gioco d’azzardo all’interno del suo comune e così il sindaco di Minerbio ha ritirato l’ordinanza anti slot-machine perché, finora, aveva solo abbattuto gli incassi ma non la cosiddetta ludopatia.

I compaesani, infatti, si spostavano a giocare nei paesi limitrofi privi di limitazioni. Di questa vicenda e del clamoroso arresto, per maxi evasione, del re delle slot machine Francesco Corallo, Oscar Giannino ne parla con il primo cittadino di Minerbio, Lorenzo Minganti e con Eugenio Bernardi, imprenditore nel settore gioco.

Podcast da ascoltare

Commenta su Facebook