(Jamma) – “Passa anche attraverso l’informazione e la comunicazione la lotta all’usura, legata a filo doppio con tutto ciò che ruota intorno alla criminalità organizzata e all’azzardo.

Un fenomeno tanto complesso che annienta la sfera economica, sociale e umana di tante famiglie, ma relegato alle periferie del sistema massmediale. Alla Federazione dei Settimanali Cattolici ha deciso di rivolgersi il Consiglio Direttivo della Consulta Nazionale Antiusura “Giovanni Paolo II”, riunitosi nei giorni scorsi in Puglia, a Cassano delle Murge, nell’ottica di fare sempre rete contro un fenomeno tanto dilagante quanto sommerso.

Si sono incontrati nella murgia barese, all’Oasi Santa Maria con il Presidente della Consulta Nazionale Antiusura, Mons. Alberto D’Urso e i componenti del Direttivo Nazionale. La comunicazione insieme alla formazione professionale, alle normative in materia di sovrindebitamento e usura (la legge 108/96 e la legge n.3/2012) e all’azzardo, sono tra i principali temi affrontati.

Far crescere la diffusione e l’efficacia del messaggio che l’usura è una piaga che annienta la persona nella sua dignità e nelle sue libertà fondamentali tramite testate giornalistiche, che per istituzione sono voci di quelle periferie spesso mediaticamente ignorate o strumentalizzate, quali sono i settimanali cattolici, è una delle fondamentali leve di contrasto all’usura individuata dalla Consulta Antiusura. Una lotta che include anche quella contro l’azzardo che la Consulta persegue con il Cartello “Insieme contro l’Azzardo”, il quale raggruppa diversi organismi socio-assistenziali. Anche per il Cartello contro l’Azzardo vale la parola d’ordine “Lavorare in Rete”. Rilanciare le iniziative di prevenzione e contrasto al fenomeno a livello regionale e nazionale in sinergia con le Caritas locali e nazionali e altri organismi impegnati contro la diffusione di questa schiavitù, che sta impoverendo il tessuto economico, sociale e umano del Paese, è la linea condivisa dalla Consulta Antiusura”.

Consulta Nazionale Antiusura

Commenta su Facebook