(Jamma) – Continuano gli incontri promossi dalla delegazione As.Tro – sotto il coordinamento del vicepresidente Lorenzo Verona, responsabile per le questioni territoriali – con le amministrazioni locali che hanno emanato – o stanno per emanare – ordinanze restrittive sugli orari di funzionamento degli apparecchi da gioco.

Nel pomeriggio di oggi, sarà la volta del comune di Verona, all’attenzione del cui assessore al commercio, dott. Ambrosini, Lorenzo Verona porterà il progetto As.Tro del Gioco Buono.

Verona è stato uno tra i primi comuni veneti ad essersi dotato di una ordinanza “oraria”(febbraio 2016) e, dopo diverse richieste di audizione presentate nel corso dell’anno, finalmente l’Amministrazione comunale ha deciso di darci “voce”.

Sarà quindi esposto il contenuto del progetto, che mira alla prevenzione dei fenomeni di patologia legata al gioco, attraverso la predisposizione di un gioco lecito ed accessibile, all’interno di un locale debitamente “formato” e “responsabilizzato”.

Anche all’amministrazione comunale di Verona, As.Tro proporrà di farsi artefice di un programma che abbatta le criticità del gioco patologico, alzando di livello la qualità “anche sociale” della fruizione del gioco e cambiando del tutto il rapporto tra il punto vendita e la società, il Territorio e gli organi amministrativi locali.

Commenta su Facebook